MODAONLINE – Due coordinate anzitutto. Una geografica, la cosiddetta Zona Tortona di Milano, e una temporale, dal 17 al 22 aprile 2012.  La zona attigua a Porta Genova, che si estende tra via Tortona, via Savona e via Stendhal, ospiterà in quelle date la seconda edizione della Tortona Design Week, trasformandosi ancora una volta in un maxi contenitore trasversale di creatività. L’iniziativa è promossa e organizzata dall’Associazione Tortona Area Lab che, forte della storia ormai decennale del quartiere come punto di incontro di esperienze di progetto, concentra in un’area limitata e coordinata una serie di proposte virtuosamente disomogenee: grandi brand accanto a marchi emergenti, giovanissimi designer ‘porta a porta’ con i nomi più conosciuti del mondo del progetto nel tentativo di costituire uno spaccato realistico del complesso e variegato universo dell’industrial design. L’iniziativa ha sortito gli effetti desiderati e, nel giro di pochissime edizioni, il circuito espositivo si è allargato ad altri luoghi metropolitani, come la zona di Brera e di Lambrate. I tempi nei quali il Salone Internazionale del Mobile di Milano, il vero capostipite della faccenda, monopolizzava in toto le attenzioni dei design-addicted sono dunque del tutto passati ed ora, in un’ottica di inclusione, i riflettori sono puntati anche sugli “anticonformisti” del fuori salone. E sarà come vivere, per una settimana, in un fermo immagine rispetto alle logiche e alle dinamiche del resto dell’anno. Brand piccoli e grandi, abituati a preferire i protocolli istituzionali e bon ton, preferiranno, da veri naïf, di essere “out” (dal Salone) anzichè “in”. Da ricordare la “metamorfosi” Hermès, che ha partecipato nel 2011 per la prima volta all’iniziativa in uno spazio allestito alla Pelota, in via Palermo 10, progettato dagli architetti Shigeru Ban e Jean de Gastines. In questa occasione Hermès ha esposto una proposta completa per la maison, con la sua neonata linea di mobili contemporanei e un’ampia collezione di tessuti d’arredo, carte da parati e tappeti. Pure Giorgio Armani, con Dada spa del Gruppo Molteni per quanto riguarda il segmento delle cucine e con la Rubelli spa per la creazione di tessuti per arredamento, aveva deciso di presentare nei suoi tre spazi di via Manzoni e Pisoni le ultime proposte di Armani/Casa. Non da meno Versace, che nel Teatro Versace di Piazza Vetra aveva ospitato una videoinstallazione artistica curata da Forma, e così via.  Promotrice e organizzatrice della settimana dedicata al design è l’Associazione Tortona Area Lab, costituita nel 2010 da Gisella Borioli di Superstudio Group, Uberto Cajrati Crivelli di Estate 4, Marzia Cantone di Magna Pars e Daniela Triulzi di Tortona Locations, oltre a coordinare la settimana dedicata al design, si impegna con vari progetti per un intervento continuativo sul quartiere. L’obiettivo è quello di mettere in rete le diverse competenze dell’area per la valorizzazione della zona, in una prospettiva ampia e aperta al resto della città. Negozi, studi di progettazione, luoghi di esposizione, attività collegate, insomma una filiera cittadina, un distretto creativo, da sostenere, promuovere e strutturare lasciando spazio al contributo anche di altri quartieri capaci di porsi, con le loro risorse e specificità, come partner per nuovi progetti che abbiano un concreto e benefico ritorno sul territorio. Le novità principali di questa edizione 2012 riguardano anzitutto la comunicazione. A tale proposito verranno distribuite mappe cartacee, si allestitirà un press point al centro del circuito ed è stata ideata una rivista cartacea ufficiale della Tortona Design Week 2012, in partnership con Venews (il city-magazine di Venezia specializzato nella comunicazione del contemporaneo, specializzato nei magazine-guida degli eventi culturali internazionali come la Biennale o la Mostra del Cinema di Venezia) e distribuita gratuitamente in tutti i punti del circuito. Ulteriore novità del progetto di accoglienza sarà il Farmer’s Street Food organizzato da Tortona Area Lab e CIA (Confederazione Italiana Agricoltori), in collaborazione con FAI (Fondo Ambiente Italiano) e Comieco, proseguimento con altre finalità e aumentate potenzialità del progetto La Via Lattea. Il concept prevede l’allestimento di una serie di punti di ristoro lungo via Tortona, dotati di aree relax e libere connessioni wi-fi, dove si potranno gustare piatti preparati con i prodotti delle migliori cascine lombarde. Immaginiamo ora, con una brevissima anticipazione, un tour virtuale nell’head quarter del design. Si inizia in via Tortona 15, nelle eleganti sale dello storico e prestigioso centro espositivo Magna Pars, dove tutti gli spazi sono dedicati all’evento Home spa design “abitare il Design – emotional Living”: una grande mostra sul tema del design emozionale attraverso il progetto, la creatività e la cultura contemporanea dove la qualità progettuale incontra la qualità espositiva tra innovazione e perfezione. Dall’altro lato di Magna Pars, il Superstudio 13, in via Forcella 13, ospita quest’anno Temporary Museum for new Design/extension, seconda sede del più ampio progetto al Superstudio Più di via Tortona 27. Proseguendo il nostro percorso, lungo la via Tortona e la via Savona, troviamo gli spazi diffusi sul territorio di Tortona Locations che anche quest’anno accoglie mostre che ruotano attorno ai temi della internazionalità e del multiculturalismo, articolati a diversi livelli con la presenza di Istituzioni, Università, rappresentanze governative, insieme a marchi consolidati o di tendenza. Alcuni sono la Casa di agatha ruiz de la Prada in via Tortona 28 o l’attesissimo e pluripremiato giapponese Nendo nella location Carrozzeria di via Tortona 32, compartita con progetto multisensoriale di Piero Lissoni per Nespresso. Significativa è anche la presenza degli olandesi, quest’anno, in via Tortona con due esposizioni. In via Tortona 27, al Superstudio Più torna per il quarto anno, allargato dalla extension al Superstudio 13, il Temporary Museum for new Design, manifestazione ideata per ospitare in modo originale i progetti di grandi brand ma anche di new talent, seguendo il concept di successo “meno fiera e più museo”.  Infine, il grande Design Village con i brand Cappellini, Cassina, Poltrona Frau, nemo-Cassina Lighting esaltati dalla imponente architettura della Fondazione Arnaldo Pomodoro, in via Solari 35. Il calendario completo delle iniziative è disponibile gratuitamente sul nuovo portale della Tortona Design Week, www.tortonadesignweek.com. Modaonline seguirà la manifestazione in tempo reale, anche grazie al canale Modaonlive.it attraverso le pagine Youtube, Twitter e Facebook.