Nuovo design, livelli di equipaggiamento superiori, sistemi di assistenza alla guida innovativi e propulsori all’altezza della situazione. Anche la generazione 2012 della GLK sembra avere tutte le carte in regola per affrontare il difficile e agguerrito segmento dei Suv, che in Italia, in barba alla crisi, continua a proliferare.
La prima notizia è che il look è stato rivisitato e adesso conferisce, come suggeriscono gli stessi uomini Mercedes, “un’immagine di maggiore appeal”. La carrozzeria coniuga gli elementi classici dei fuoristrada con il linguaggio delle attuali berline Mercedes-Benz. Linee decise, ampie superfici piane e la zona liscia e voluminosa del frontale e della coda sono in armonia con i tipici tratti distintivi dei fuoristrada, che si esprimono anche attraverso sbalzi corti, frontale perpendicolare, montanti del tetto snelli, parabrezza spiovente e linea del tetto decisa.

La conformazione della carrozzeria non è un esercizio stilistico fine a se stesso, quanto un modo per trasferire i tipici vantaggi dei fuoristrada nella categoria dei SUV compatti. I dati tecnici di rilievo per questo genere di veicoli, come angolo di scarpata e altezza libera da terra, risultano convincenti e consentono in qualsiasi momento di allontanarsi dalle strade asfaltate.

Il paraurti posteriore conferisce alla coda della GLK un’immagine sportiva e al tempo stesso raffinata. Qui si nota in particolare il nuovo design della protezione antincastro e i terminali di scarico cromati di serie. I gruppi ottici posteriori sono stati

completamente rinnovati dai designer dal punto di vista sia estetico che funzionale, e attraverso l’utilizzo di fotoconduttori e LED, la coda della GLK presenta un design notturno unico nel suo genere e caratteristico, ulteriormente sottolineato dalla nuova luce della targa.  

Con il facelift, i designer hanno progettato anche nuovi cerchi da 43,2 cm (17 pollici Comfort), 48,3 cm (19 pollici) e 50,8 cm (20 pollici), disponibili in diversi colori di verniciatura o con la superficie tornita a specchio. Per la prima volta è disponibile anche un tipo di cerchio da 43,2 cm (17 pollici) ottimizzato sotto l’aspetto aerodinamico.

Le novità proseguono dentro l’abitacolo. I designer del Mercedes-Benz Design Studio di Sindelfingen hanno completamente ridisegnato la plancia: un’ampia modanatura in alluminio o in legno (a richiesta) si estende su tutta la larghezza, con un effetto ancora più armonioso. In evidenza anche le nuove bocchette circolari e ulteriori inserti in silver shadow.

Il quadro con tre strumenti circolari è dotato di display a colori di serie per la versione Premium ed a richiesta per Sport. I modelli con cambio automatico a sette marce 7G TRONIC dispongono della leva del cambio DIRECT SELECT posizionato sullo sterzo. In questo modo, sulla consolle centrale rimane libero uno spazio sufficiente per ospitare un vano portaoggetti con cornice in silver shadow.

I sistemi di assistenza alla guida, già noti sui modelli Classe S e Classe E, permettono di viaggiare a bordo della nuova Classe GLK in condizioni ottimali, ponendo questo SUV compatto ai vertici del suo segmento. Tra questi equipaggiamenti, disponibili a richiesta, figurano l’ATTENTION ASSIST e il sistema di protezione preventiva degli occupanti PRE-SAFE. La dotazione può essere completata con altri sistemi di assistenza alla guida parzialmente attivi, come ad esempio il Park Assist con funzione di parcheggio automatica, di serie per Premium a richiesta per Sport.

Per effettuare manovre in aree con scarsa visibilità è disponibile una telecamera per la retromarcia assistita con linee di riferimento oppure – una novità assoluta per Mercedes-Benz – una telecamera a 360°. Questo sistema riceve le informazioni trasmesse dalle quattro microcamere posizionate sul frontale, sulla coda e nei retrovisori esterni, ricostruendo una prospettiva “a volo d’uccello” del veicolo e dell’ambiente circostante. L’immagine priva di distorsioni viene visualizzata in tempo reale sul display centrale del COMAND.
Questo sistema, in aggiunta alla telecamera per la retromarcia assistita, permette di controllare la zona laterale e antistante il veicolo, prevenendo i rischi di collisione durante le manovre. Ulteriori linee di riferimento aiutano il guidatore ad orientarsi meglio, mentre la telecamera a 360° visualizza la zona di oscillazione della vettura durante la sterzata.

La gamma di motori comprende sei modelli diesel e un benzina. La GLK 250 BlueTEC 4MATIC adotta il diesel a quattro cilindri più potente nel segmento dei SUV, grazie ai 204 Cv e alla coppia di 500 Nm. In particolare convincono i consumi: in media, il motore ad autoaccensione consuma 6,1 – 6,5 litri di gasolio ogni 100 chilometri (consumo combinato NEDC, dati provvisori). Le emissioni di CO2 sono pari a 159-169 grammi al chilometro. Inoltre, come il modello GLK 220 BlueTEC 4MATIC, anche questa vettura rispetta i valori limite Euro 6 e la norma statunitense BIN 5.

Ancora più parsimoniosi sono i due modelli a trazione posteriore GLK 200 CDI BlueEFFICIENCY e GLK 220 CDI BlueEFFICIENCY con cambio manuale a sei marce. Entrambe le versioni si accontentano di 5,5 – 5,6 litri di gasolio ogni cento chilometri (143 – 147 g CO2/km).
Ma il campione di potenza tra le versioni diesel è la GLK 350 CDI 4MATIC BlueEFFICIENCY. Grazie alla sua coppia di 620 Nm, il motore diesel V6 vanta un’erogazione di potenza particolarmente considerevole anche ai bassi regimi.  

Il modello a benzina GLK 350 4MATIC BlueEFFICIENCY si distingue per l’innovativa tecnologia della generazione leader di motori a V Mercedes-Benz. Il cuore del pacchetto tecnologico BlueDIRECT è costituito dall’iniezione diretta di benzina di terza generazione con combustione a getto guidato ed iniettori piezoelettrici. La sua azione, abbinata a quella della Multi Spark Ignition, consente di ottimizzare ulteriormente i consumi.