Casa e Design

Librerie pensate per lettori accaniti che nono rinunciano ai volumi accumulati nel corso degli anni



fai sapere ai tuoi amici quello che ti piace

jQuery(function($){
$(‘#bugIEfloat’).height( jQuery(‘.article .textExtras’).height() );
});

‘));
}


jQuery(function($){
var txt = $(‘.article .text’).css( ‘margin-left’, ‘-3px’ ).css(‘position’, ‘relative’),
bug2 = $(‘#bugIEfloat2’);
bug2.height( txt.height() – bug2.position().top );
});

Per tutti quelli che non posseggono librerie solo per arredare, ma per svolgere la loro funzione prima e sacra del contenere libri, il design giunge in soccorso. Le forme si fanno non solo belle, ma anche studiate per sfruttare al meglio lo spazio. Coloro che non rinunceranno mai e poi mai ad uno qualsiasi dei libri presenti in casa adoreranno la libreria Random, firmata MDF Italia, caratterizzata da una grande capienza. Costituita da pannelli di fibra di legno, ha ripiani posti a diverse altezze e piedini regolabili e può essere completata da sportelli. Essenziali, perfette per chi ama classificare i propri libri secondo un ordine rigoroso, le librerie firmate Lema Mobili. Sia Selecta che Chelsea hanno linee pulite, che le rendono perfette per qualsiasi ambiente, anche grazie alla versatilità dei moduli proposti.

Coloro che vedono in ogni spazio la possibilità di riporre libri non potranno rinunciare a Stay, la piccola libreria in metallo componibile, con funzioni di comodino, disegnata da Sergio Brioschi per Jesse. Intramontabile Bookworm, la sinuosa libreria della Kartell che non pone limiti alla fantasia, agganciandosi al muro secondo la forma che più si desidera. Tra le novità dello scorso anno è da segnalare la libreria Tred Shelf, disegnata da Monica Armani per Moroso. Oltre ad ospitare una grande quantità di libri riesce ad assorbire il rumore grazie alla presenza di pannelli di stoffa inseriti nella struttura. Razionalità e versatilità sono di certo i punti di forza delle librerie modulari firmate Battistella. L’essenzialità della loro struttura e la ripetizione degli elementi componibili dona all’ambiente ordine ed armonia, una scelta vincente per dare continuità nel tempo agli arredi della zona giorno. Le possibilità sono infinite, quindi, prima di disperare e cominciare a creare pile di libri in corridoio, basta trovare la libreria più adatta alle proprie esigenze, iniziando  poi il sacro rito di catalogazione.

7 Gennaio 2012

Copyright Nexta
Chiara Basciano

‘));
}