RIMINI “Io sono un uomo. Se il figlio di Larry è il padre di mio figlio, chi sono io per Larry?”. Questo, uno dei dilemmi che potreste trovarvi sulla vostra strada se un giorno decideste di curiosare tra le pagine di Giochi per la mente. Esercizi e problemi per prepararsi a test e concorsi e per ragionare divertendosi, edito FrancoAngeli.

Il suo autore, il riminese Fabio Ciuffoli, insegnante di economia nelle scuole superiori, non ha l’aria di un professore cervellotico tutto numeri ed enigmi, ma più quello di un ragazzone con la passione dell’esercizio mentale stimolato dal conflitto irriducibile tra intuizione e riflessione.

Inganni promozionali, probabilità, giochi di visualizzazione e di logica, illusione ottiche. Questo il mondo di Ciuffoli, nel quale, quasi per caso, entrò nel 2001 con la sua prima pubblicazione Problem solving con creatività. Da lì in poi, riviste scientifiche, come Le Scienze, Focus, e Riza hanno voluto scoprire questo scrittore, giunto nel tempo a oltre 35mila copie vendute grazie agli inserti nella rivista Panorama.

Perché questo interesse per il problem solving?

“Tutto è nato a scuola con un approfondimento su come i ragazzi possono affrontare i problemi arrivando alla stessa soluzione partendo da diversi punti. Abbiamo notato che questo approccio diverso, anche nella matematica, poteva funzionare. Da quel momento di tutto quel materiale raccolto, fatto di giochi di percezione e logica, ne nacque il mio primo libro con oltre 140 problemi”.

Le copie vendute di quel primo libro, oggi alla decima ristampa, dicono che l’argomento non è poi così ostico…

“Sì, il primo libro è andato molto bene. Quest’ultimo nasce proprio sulla scia del primo, legato ai giochi sulla percezione, la logica e pensando come sempre a un pubblico vario, non specialistico, di chi vuole tenere la mente allenata, con esercizi e quiz”.

Qual è la reazione dei suoi studenti quando pone loro questi quesiti?

“La soddisfazione maggiore è vedere un allievo che cresce. Che mediante la soluzione di problemi inizialmente semplici, trova fiducia in se stesso e acquisisce competenze che lo mettono in grado di risolvere problemi sempre più complessi, quelli che a prima vista sembrano impossibili ed alla fine può dire, con soddisfazione mista a stupore, “Ce l’ho fatta!!” Un modo diverso per trovare la propria autostima”.