Il percorso di visita, che ha per tema l’emozione, condurrà alla scoperta di una cultura dell’abitare futuro attraverso l’esposizione di progetti realizzati da 5 studi di architettura, volti a restituire immagini di vita quotidiana secondo i linguaggi della sperimentazione e le forme desunte da una visione emozionale degli spazi abitativi.

Lo Studio Bizzarro Partners presenterà la DayDream Spa, ovvero una stanza dei sogni all’interno della quale la ricerca del benessere si traduce nel ritrovamento di un universo parallelo e onirico all’insegna della leggerezza e della trasparenza.

Lo Studio Marco Piva illustrerà una casa “galleggiante”, Surfing The Future, realizzata con materiali naturali e di riciclo, che si fa trasportare da un continuo movimento, metafora del progresso e del legame tra uomo, architettura, materia e luogo.

The Queequeg’s Room sarà l’installazione a cura dello Studio Scacchetti, che si ispira all’analogia tra nudità di superfici materiche e fisicità del corpo: in particolare il progetto riguarda le superfici del bagno, come spazio dove la decorazione si accompagna al rivestimento e diventa parte integrante degli arredi, dai doccioni alla vasca.

La ricerca di benessere dello studio Rotella trova espressione nel progetto Wellbeing, una concept room, realizzata con materiali naturali, che restituisce una dimensione privata basata sulla centralità dell’essere umano nel suo contatto con la materia, la luce, la natura e con le proprie esigenze ed emozioni.

Uno spazio di condivisione dal nome BUZZar Lounge sarà il luogo pensato dallo Studio Pierandrei Associati, che affronta la tematica dei luoghi sociali.
(riproduzione riservata)