|



Testo +
+
+
+
+

Share


di Manuela Merico
Un commercio di nicchia, si può definire quello con cui ha iniziato la sua carriera Domenico Burdi, maestro orafo attivo nella città di Bari da parecchi anni.
Dopo fiere, mostre e concorsi, le sue creazioni cominciano a rivendicare un successo d’oltralpe che apprezza la lavorazione artigiana Made In Italy e l’estro pugliese.
Le collezioni Burdi sono il risultato di ricerche di spunti creativi nella vita di tutti i giorni. Bruchi e farfalle si trasformano in spille con gemme a taglio cabochon e intarsi d’oro e diamanti. Conchiglie, smeraldi, rubini e zaffiri, sono lavorati pazientemente per un risultato che lascia a bocca aperta.
Le donne scelgono Burdi per la rarità del disegno: difficile trovare imitazioni e copie, poichè ogni oggetto è realizzato in pezzo unico.
L’atelier di Bari in via Postiglione racchiude tutte le più belle opere d’arte del maestro che trasmette la sua passione in ogni creazione facendo brillare i propri gioielli grazie alla preziosità delle pietre e all’amore con cui sono fatti.
Domenico Burdi ha compiuto i suoi studi in gemmologia presso Valenza Po’, in provincia di Alessandria, dove ha conseguito diplomi di oreficeria e di esperto di pietre preziose.
Il suo obiettivo è quello di creare oggetti d’arte molto diversi da quelli che si vedono in giro nelle vetrine e , quindi, fuori dagli schemi. Burdi crea solo dopo aver definito attentamente il target a cui vuole rivolgersi: una donna elegante, amante della preziosità e della fantasia.
Una sfida difficile da attuare sul territorio barese, dove abitudini e mode sono all’ordine del giorno. Domenico Burdi, si trova, così ad istruire un pubblico che quasi prova imbarazzo nell’essere troppo appariscente o, comunque fuori dalla normalità. I gioielli in questione, infatti, potrebbero esser definiti come “It pieces” che nel linguaggio inglese indica qualcosa di veramente bello e accattivante.


Pubblicato da Michele Tedesco
alle 11:17. Raccolto in


.
Puoi seguire i commenti tramite RSS 2.0.
Commenta liberamente l’articolo.