Alice diventa digitale per salvare i bambini. Perchè la rete può essere un Paese delle meraviglie ma anche un labirinto che nesconde mostri. Così in occasione del Safer Internet Day, in programma il 7 febbraio 2012, Terre des Hommes lancia «Alice nel Paese di Internet», un progetto realizzato in collaborazione con l’Istituto Europeo di Design di Torino per promuovere l’utilizzo più consapevole e sicuro di internet da parte dei bambini. E aiutarli a sfuggire alle trappole che nasconde. «Abbiamo scelto Alice, bambina curiosa e intelligente che non ha paura di viaggiare nel mare ricco di opportunità, e non solo di minacce, di Internet, per aiutare, da pari a pari, altri bambini ad appropriarsi degli strumenti giusti per navigare con consapevolezza – illustra l’iniziativa Paolo Ferrara, responsabile Comunicazione di Terre des Hommes – La forza di Alice sta nel suo non accontentarsi, nella sua capacità critica e nella volontà di creare, anche con l’aiuto degli adulti, semplici raccomandazioni che le permettano di sfruttare appieno le risorse della rete evitandone i rischi più comuni».

La guida s’ispira alla celebre novella di Lewis Carroll: una bambina, il piacere dell’esplorazione, un territorio pieno di meraviglie da scoprire. «Si tratta di uno spunto particolarmente felice: grazie alle belle e azzeccate illustrazioni di Irene Frigo – spiega lo scrittore Pino Pace, che ha scritto il testo del libretto – ho raccontato una storia dove un’Alice dei giorni nostri passa una giornata piovosa a navigare su Internet provando a scrivere un decalogo su come farlo nella maniera più appropriata e sicura». Pino Pace lavora da anni come autore per la radio, per il cinema e l’audiovisivo. Scrive da sempre storie per ragazzi e insegna scrittura creativa all’Istituto europeo di design di Torino, nelle scuole di specializzazione e nei centri culturali, tiene seminari per gli allievi delle scuole elementari, medie e superiori. Alice, in versione telematica, è stata una bella scoperta anche per lui.

Il progetto è stato realizzato da Terre des Hommes in collaborazione con l’Istituto Europeo di Design di Torino grazie al contributo di Fondazione Cariplo, Fondazione Ugo Bordoni, Ria Partners, Google e con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri. La pubblicazione, con testi di Pino Pace e illustrazioni di Irene Frigo, verrà distribuita in 50 punti vendita Esselunga della Lombardia. Si può scaricare gratuitamente anche dal sito www.ioproteggoibambini.it di Terre des Hommes.

Terre des Hommes da 50 anni è in prima linea per proteggere i bambini di tutto il mondo dalla violenza, dall’abuso e dallo sfruttamento e per assicurare a ogni bambino scuola, educazione informale, cure mediche e cibo. Attualmente è presente in 72 paesi con oltre 1.200 progetti a favore dei bambini. La Fondazione Terre des Hommes Italia fa parte della Terre des Hommes International Federation, lavora in partnership con ECHO ed è accreditata presso l’Unione Europea, l’ONU e il Ministero degli Esteri italiano.
Per informazioni: www.terredeshommes.it