la kermesse in occasione del cersaie

Design Week invade la citt
200 appuntamenti in 4 piazze

In Galleria Cavour allestimenti dedicati alla moda
Otto percorsi dal centro alla periferia


BOLOGNA
– La citt sta per cambiare volto per affrontare al meglio la settimana del Cersaie. I visitatori della Fiera (se ne attendono 100 mila) dopo le 18 si riverseranno sotto i portici e nelle piazze e l troveranno pane per i loro denti grazie all’infinto programma off allestito dall’agenzia di comunicazione Youtool attraverso il nuovo marchio Bologna Design Week (Bdw). Saranno infatti 200 gli appuntamenti che dal 30 settembre al 3 ottobre vivacizzeranno le serate bolognesi. Un viaggio dentro al centro storico (pi qualche gita appena fuori porta), un po’ come avviene per il dopo Arte Fiera o per il Salone del Mobile a Milano in primavera.

IL PROGRAMMA – La mappa coloratissima — per ogni colore un percorso tematico — e con tutti i luoghi trasformati appositamente per il Cersaie, si pu consultare in rete sul sito bolognadesignweek.com: a parte le 5 presentazione di libri, di workshop e le 12 proiezioni di video previste, gli altri 170 eventi riguardano mostre, allestimenti, installazioni, retrospettive, tutte legate alla creativit e al design. Sono state stampate 30 mila mappe cartacee. Tanti posti invece di uno solo e grande. Nei tre anni precedenti l’evento off si svolgeva all’ex Ospedale dei Bastardini grazie all’organizzazione di Bologna Water Design, marchio per che, entrato in rotta di collisione con la Provincia (proprietaria dell’immobile di via D’Azeglio), ha deciso di riproporre il proprio concept a Milano, dove inaugurer il 3 ottobre. Bdw di fatto ha colmato quel vuoto reinterpretandolo: tanti luoghi dove esporre idee e progetti e soprattutto dove mettere a conoscenza e quindi far conoscere tutti gli attori della filiera presenti sul nostro ricchissimo territorio. La produzione, cos come il progettista, ha sempre pi bisogno della creativit delle persone, e cos Bdw cerca di fare incontrare le due parti, rivalutando l’aspetto reale dei contatti e delle conoscenze (anche l’on line funziona, ma non si pu prescindere dalla tridimensionalit): il dopo Cersaie l’occasione giusta.

I LUOGHI – Obbiettivo culturale alto: ricerca e mappa territoriale, messa a sistema di tanti pezzi eccellenti che viaggiano un po’ troppo per conto loro, o non abbastanza in sinergia. Piccolo esempio: i visitatori potranno vedere all’Urban Center, una delle tante location, la borsa a tracolla trasformabile progettata durante un workshop aziendale da un gruppo di studenti del giovane corso di laurea triennale di Design del prodotto industriale aperto a Bologna due anni fa, che, promossa a pieni voti, entrata in produzione e ora in vendita nei negozi. Et media del gruppo di designer, 19 anni.La pioggia di eventi di Bdw — con le sue belle preview prima del 30 settembre — avr comunque 4 punti di riferimento stabili, una sorta di main location nel cuore della citt: Galleria Cavour con allestimenti e situazioni legate alla moda, da Gazziero a Ducati, da Cassina a Technogym; Campogrande Concept con prodotti e installazioni fra arte, architettura, scenografie, pezzi storici di design; l’Atelier Corradi di via Rizzoli e da poco recuperato con un percorso filologico dove si scopriranno lavori di design emergenti; Corte Isolani i cui eventi saranno legati per lo pi al food design.

I PARTY – Tutto il mondo fuori da questi 4 punti cardinali, sar suddiviso in otto percorsi tematici ognuno dei quali con un proprio colore: verde oliva per Design School ovvero mostre dei giovani progettisti; verde normale per D. Store quindi allestimenti nei negozi di settore; rosso per D. Food e quindi cibo; grigio per D. Incredibol con visita a spazi inediti occupati dalle start up; blu per D. su Misura cio spazi degli artigiani-design (regia della Cna); viola per D. Made in Bo con visita delle botteghe dei designer bolognesi; marrone per D. Art col coinvolgimento di quindici gallerie d’arte cittadine che dialogano con il design; giallo per D. Spot che accompagna il visitatore a scoprire luoghi insoliti della citt. Non mancheranno poi inaugurazioni — il via il 30 alle 18,30 in Galleria Cavour – e chiusure – il 3 ottobre a Campogrande Concept fino alle 21, e naturalmente party, degustazioni, celebrazioni (Nespresso, Kartell, Canetoli, Catellani Smiths, Molteni, etc) durante tutta la settimana.