• 4 Commenti



Peugeot 208


Peugeot 208

Peugeot 208

Peugeot 208

Peugeot 208

Peugeot 4008

La Peugeot presenta a Ginevra la 208, tassello fondamentale della propria gamma per il combattuttissimo segmento B. L’intento è quello di creare una piccola premium ed è questo l’impatto che la vettura riesce a trasmettere all’esterno, con una linea raffinata e tantissimi piccoli dettagli molto curati, dallo stile della mascherina al motivo laterale sul montante, dai gruppi ottici anteriori e posteriori alle tinte disponibili.

Volante piccolo. Disponibile in versione a tre e a cinque porte, la 208 esibisce un design della plancia che richiede un minimo di assuefazione: il volante ha un diametro piuttosto ridotto e nonostante le regolazioni resta ancora abbastanza basso per persone di statura medio-alta. La strumentazione, posta più alto per rientrare nel campo visivo del guidatore, è parzialmente coperta dalla corona del volante. La parte destinata al passeggero è invece piuttosto scavata per sfruttare lo spazio riservato alle gambe, mentre la console centrale è tutta incentrata sul sistema multimediale con grande schermo di controllo, vero protagonista degli interni.

Concept. Nello stand della casa francese erano presenti anche le concept GTI e XY, esempi di personalizzazione che mostrano le qualità della 208: le donano le caratterizzazioni sportive della GTI, con scarico sportivo, passaruota allargati, spoiler e cerchi maggiorati, mentre la XY mostra un esempio di personalizzazione degli interni che potrebbe sicuramente trovare un seguito produttivo.

Motori. La 208, presto disponibile a partire da 11.650 euro (Ipt esclusa) in Italia, offrirà le motorizzazioni benzina a tre cilindri 1.0 68 CV e 1.2 VTI 82 CV, quindi i quattro cilindri 1.4 VTi da 95 CV e 120 CV e 1.6 THP 155 CV, mentre i diesel potranno contare sul 1.4 HDI 68 CV, e sui 1.6 HDI 92 CV e 115 CV.

La 4008 proibita (per l’Italia). Oltre alla 208, la Peugeot ha portato a Ginevra anche la nuova crossover 4008, derivata dalla Mitsubishi ASX. Rispetto alla giapponese, a cambiare è principalmente la linea, rivista secondo i canoni della Casa del Leone nel frontale e nella coda. Molto meno evidenti le modifiche interne, dove pochi particolari distinguono la 4008 dalla ASX per ovvie ragioni di sinergia industriale: per il momento il lancio della 4008 sul mercato europeo esclude la presenza in Italia.

Da Ginevra, Lorenzo Corsani