Milano, 10 apr. – (Adnkronos) – Il colosso svedese Ikea celebra la Settimana del Mobile a Milano confermando il trasferimento di alcune sue produzioni dall’Asia in Italia. Sono in tutto 24 i fornitori nazionali e circa un miliardo di euro gli acquisti che fanno da tempo del Gruppo Ikea il primo cliente della filiera italiana dell’arredolegno: l’8% degli acquisti mondiali di Ikea proviene dall’Italia, al terzo posto dopo Cina e Polonia.

Anche nel 2011 la bilancia commerciale fra l’Italia e il Gruppo Ikea e’ a favore dell’Italia. Il gruppo, si legge in una nota, compra in Italia piu’ di quanto vende nei suoi negozi nella penisola: l’8% del volume degli acquisti nel mondo viene effettuato in Italia, ma il mercato italiano copre solo il 7% del volume delle vendite mondiali. Il 63% degli acquisti di Ikea in tutto il mondo proviene da fornitori europei. Recentemente il gruppo ha spostato in Italia, in particolare in Piemonte, alcune produzioni precedentemente allocate in Asia. “Ikea e’ alla ricerca continua di possibili sviluppi degli acquisti in Italia che punta ad incrementare” afferma l’ad in Italia Lars Petersson.

“Recentemente – conferma – abbiamo individuato nuovi partner italiani che hanno preso il posto di fornitori asiatici, grazie alla loro competenza, al loro impegno e alla capacita’ di produrre articoli caratterizzati da una qualita’ migliore e a prezzi piu’ bassi dei loro concorrenti asiatici”. La quota dell’8% sale ben al 34% sulle cucine: una cucina su tre venduta da Ikea in tutto il mondo e’ prodotta in Italia. L’80% degli acquisti Italia sono mobili, e solo il 20% complementi d’arredo. Le cucine fanno la parte del leone, ma Ikea in Italia acquista un gran numero di prodotti: elettrodomestici, camere da letto, scaffalature, librerie, bagni. (segue)