Design e innovazione con un occhio all’ambiente: convegno nella Reggia di Monza

VIDEO – Design in Villa Reale Non poteva che aver luogo nel Belvedere della Reggia di Monza “Design fra produzione e innovazione” il convegno ha indagato quelle che potrebbero presto diventare le nuove prospettive di una disciplina che nel cuore della Brianza è nata e che da lì si è propagata per tutto il mondo.

<!–/*

* The backup image section of this tag has been generated for use on a

* non-SSL page. If this tag is to be placed on an SSL page, change the

* 'http://ads.mediaon.it/www/delivery/…'

* to

* 'https://ads.mediaon.it/www/delivery/…'

*

* This noscript section of this tag only shows image banners. There

* is no width or height in these banners, so if you want these tags to

* allocate space for the ad before it shows, you will need to add this

* information to the tag.

*

* If you do not want to deal with the intricities of the noscript

* section, delete the tag (from … to ). On

* average, the noscript tag is called from less than 1% of internet

* users.

*/–>

Non poteva che aver luogo nel Belvedere della Reggia di Monza “Design fra produzione e innovazione”. Nel pomeriggio di venerdì 25 settembre il convegno (a cura della Camera di commercio di Monza e Brianza, Banca Generali, Cis – Centro studi impresa, Adi – Associazione per il design industriale e Triennale Design Museum) ha indagato quelle che potrebbero presto diventare le nuove prospettive di una disciplina che nel cuore della Brianza è nata e che da lì si è propagata per tutto il mondo.

«Per me il design è stata una grande occasione di crescita come imprenditore, ma soprattutto come persona – ha raccontato il presidente della Camera di commercio Carlo Edoardo Valli – Sono vissuto nell’azienda di mio padre, che era un grande maestro dell’intaglio, del disegno, aveva il compasso nella sua testa, e grazie a questo ho capito che il tipo di prodotto che facevamo, la maniglia, poteva essere una superficie sulla quale sperimentare la bellezza».

Al giorno d’oggi, però, la bellezza del design di prodotto deve tener conto anche di valori legati all’etica e alla sostenibilità: l’innovazione deve richiedere un approccio corretto da un punto di vista economico e, soprattutto, sociale e ambientale. Su questa tematica, coordinati da Fabio Corno, della direzione scientifica di Cis, si sono confrontati i relatori che hanno partecipato alla tavola rotonda: Silvana Annichiarico (direttore del Triennale Design Museum), Valerio Cometti (designer), Daniela Fantini (Ceo di Fratelli Fantini Rubinetti), Marinella Ferrara (docente di Design al Politecnico di Milano) e Luciano Galimberti (Presidente Adi).

«Siamo stati orgogliosi di aver contribuito a questa bellissima iniziativa – ha commentato Alessandro Mauri, area manager di Banca Generali in Lombardia e Liguria – che ha saputo coniugare eccellenza e innovazione, due tematiche a noi molto care».

© RIPRODUZIONE RISERVATA