È in corso la prima edizione di Bologna Design Week, che fino a sabato 3 ottobre propone un denso programma di mostre, workshop, proiezioni video e incontri sul mondo del progetto.
La città è attraversata da otto percorsi tematici a partire da quattro sedi principali.

Tra queste la Galleria Cavour accoglie, di fronte ai suoi luxury store, installazioni come “Il Vaso di marmellata” di Gaetano Pesce a cura della Triennale Design Museum o la black box audiovisiva sponsorizzata da Ducati e ancora la mostra di pezzi storici di Charlotte Perriand per Cassina.

Nello spazio Campogrande Concept di Palazzo Pepoli Campogrande tra soffitti affrescati e una sala degli specchi della seconda metà del ’600, ci sono anche le superfici di Oikos e i pezzi in acciaio di Officine Calesini firmati dallo scultore Alcide Fontanesi.

Laerte, tavolo in vetro ed acciaio di Officine Calesini progettato dallo scultore Alcide Fontanesi, esposto nello spazio Campogrande Concept.

Laerte, tavolo in vetro ed acciaio di Officine Calesini progettato dallo scultore Alcide Fontanesi, esposto nello spazio Campogrande Concept.

L’ex Atelier Corradi (oggi Cavallo Spose), a pochi metri dalle due torri, rappresenta un vero gioiello di architettura e design degli anni Cinquanta, progettato dall’estro visionario dell’architetto bolognese Enrico De Angeli e da poco recuperato fedelmente e riaperto al pubblico. Per l’occasione, ospita l’esposizione collettiva di designer italiani e stranieri “Attraverso la luce del tempo“: tra questi OPEN propone Eva, culla a dondolo in cartone riciclabile al 100% trasformabile in piccolo divano e mobile contenitore, un “peso leggero” di poco più di 3 kg testato per reggerne oltre 40.

Una delle stanze dellex Atelier Corradi (oggi Cavallo Spose), un gioiello di architettura e design degli anni Cinquanta, progettato dallarchitetto bolognese Enrico De Angeli. (foto Michele Levis)

Una delle stanze dell’ex Atelier Corradi (oggi Cavallo Spose), un gioiello di architettura e design degli anni Cinquanta, progettato dall’architetto bolognese Enrico De Angeli. (foto Michele Levis)

Il suggestivo passaggio tra logge e cortili di Corte Isolani, scandito dalle quinte scenografiche allestite dall’azienda forlivese di arredamento su misura PrescoPool, è sede del percorso Design Food con la presenza del nuovo temporary store di Veneta Cucine, e le esposizioni “Design Exists!” a cura di Ukrainian Design Team, e “Maybe a new way” degli studenti del Corso in Design del Prodotto dell’Accademia di Belle Arti di Bologna. Si potrà assistere inoltre alla proiezione del video “Kitchens”, a cura di Roy Menarini e Ines Tolic dell’Università di Bologna: un montaggio di 300 sequenze cinematografiche le cui azioni si svolgono esclusivamente in cucina.

Le sedute progettate dal designer ucraino Karman Oleksii incluse nella mostra collettiva Design Exists! al primo piano di Corte Isolani

Le sedute progettate dal designer ucraino Karman Oleksii incluse nella mostra collettiva “Design Exists!” al primo piano di Corte Isolani.

Tra gli eventi off, segnaliamo le mostre “Own design” del designer e pittore Emilio Nanni alla Galleria Studio G7 e “Il Padiglione Barcellona a Bologna” negli spazi di ABC, che racconta la rocambolesca storia della mancata ricostruzione dell’edifico di Mies van der Rohe nel capoluogo emiliano, esponendo i disegni originali realizzati dal suo braccio destro Sergius Ruegenberg.

Schizzo preparatorio di Mies van der Rohe per il Padiglione Barcellona. I disegni originali sono esposti nella mostra Il Padiglione Barcellona a Bologna presso spazio ABC.

Schizzo preparatorio di Mies van der Rohe per il Padiglione Barcellona. I disegni originali sono esposti nella mostra “Il Padiglione Barcellona a Bologna” presso spazio ABC.

Bologna design week è un’iniziativa della rete di professionisti del settore YOUTOOL //design out of the box, realizzatacon il patrocinio di EXPO Milano 2015, Triennale Design Museum, Regione Emilia Romagna, Comune di Bologna e CERSAIE.

Il programma completo al sito www.bolognadesignweek.com

Vai alla gallery