Milano Moda Design: 10 best home collections

La Home Collection 2016 di Bottega Veneta presentata tra gli affreschi della boutique di via Borgospesso a Milano.

La Home Collection 2016 di Bottega Veneta presentata tra gli affreschi della boutique di via Borgospesso a Milano.

Dopo una settimana di feste esclusive e presentazioni eclettiche, anche quest’anno la settimana del Salone del Mobile è giunta al termine, lasciandosi dietro una scia di collezioni casa e design sempre più moderne e raffinate.
Così come i principali produttori d’arredo, anche le case di moda più prestigiose hanno presentato al pubblico le loro ultime novità nell’ambito dell’home collection. Da Giorgio Armani – che per l’occasione ha dato la possibilità di vedere in anteprima gli spazi della boutique Armani Casa in Corso Venezia – a Bottega Veneta, passando per Fendi e Missoni, le collezioni hanno saputo mantenere intatta l’identità del marchio che rappresentano grazie alle linee pulite e i dettagli eleganti che le caratterizzano.
Milano Moda Design, così si chiama l’appuntamento fashion che fiancheggia il Salone, ha dato il meglio di sé e, qui per voi, ecco selezionate le 10 migliori collezioni casa viste al Salone di Rho Fiera o al Fuorisalone tra le vie della città meneghina.

  • Le maestranze della Maison Berluti insieme agli artigiani di Ceccotti Collezioni creano elementi darredo eleganti per il gentleman moderno: un paravento e una seduta in legno di frassino e morbida pelle.


    Le maestranze della Maison Berluti insieme agli artigiani di Ceccotti Collezioni creano elementi d’arredo eleganti per il gentleman moderno: un paravento e una seduta in legno di frassino e morbida pelle.

  • Un raffinato servizio da tavola realizzato da Bottega Veneta in collaborazione con KPM in cui emerge tutta la tradizione e leleganza della Maison vicentina, in particolare sulle posate dove si fa strada liconico intreccio.


    Un raffinato servizio da tavola realizzato da Bottega Veneta in collaborazione con KPM in cui emerge tutta la tradizione e l’eleganza della Maison vicentina, in particolare sulle posate dove si fa strada l’iconico intreccio.

  • In occasione del Salone del Mobile, Trussardi Casa presenta il nuovo divano componibile Alfio in cui comfort ottimale ed estetica sofisticata convivono armoniosamente.


    In occasione del Salone del Mobile, Trussardi Casa presenta il nuovo divano componibile Alfio in cui comfort ottimale ed estetica sofisticata convivono armoniosamente.

  • Giorgio Armani svela gli spazi della nuova boutique Armani Casa in Corso Venezia presentando una home collection dal sapore orientale ma dalle geometrie nette e ben definite che contraddistinguono lo stile del designer italiano.


    Giorgio Armani svela gli spazi della nuova boutique Armani Casa in Corso Venezia presentando una home collection dal sapore orientale ma dalle geometrie nette e ben definite che contraddistinguono lo stile del designer italiano.

  • Laltra met del sogno  il titolo dellesposizione di arredi che Fendi ha proposto tra le sale della sua boutique per rendere omaggio al designer Guglielmo Ulrich e ai suoi capolavori darredo risalenti agli anni Trenta.


    “L’altra metà del sogno” è il titolo dell’esposizione di arredi che Fendi ha proposto tra le sale della sua boutique per rendere omaggio al designer Guglielmo Ulrich e ai suoi capolavori d’arredo risalenti agli anni Trenta.

  • Unesplosione di colori nella collezione Floral Galaxy firmata Missoni Home: divani, pouf, tappeti, paraventi e sedie si vestono di textures floreali frizzanti e vivaci.


    Un’esplosione di colori nella collezione “Floral Galaxy” firmata Missoni Home: divani, pouf, tappeti, paraventi e sedie si vestono di textures floreali frizzanti e vivaci.

  • Con la collezione Marquetry in Leather, la Maison spagnola Loewe propone una linea di complementi per la casa caratterizzata da pregiati intarsi in pelle che riproducono le stampe e i designi iconici della Maison.


    Con la collezione “Marquetry in Leather”, la Maison spagnola Loewe propone una linea di complementi per la casa caratterizzata da pregiati intarsi in pelle che riproducono le stampe e i designi iconici della Maison.

  • Nella boutique monomarca di Via della Spiga, Tory Burch ha presentato la home collection Spongeware: piatti e stoviglie sono decorati da un pattern maculato sui toni del bianco e del blu che si ispirano alle porcellane inglesi del XIX secolo.


    Nella boutique monomarca di Via della Spiga, Tory Burch ha presentato la home collection Spongeware: piatti e stoviglie sono decorati da un pattern maculato sui toni del bianco e del blu che si ispirano alle porcellane inglesi del XIX secolo.

  • Allinterno del progetto Barrique, la terza vita del legno, Ermenegildo Zegna propone Adam  Eve: un cabinet in legno ricavato dalle botti di rovere e progettato dallarchitetto Peter Marino.


    All’interno del progetto “Barrique, la terza vita del legno”, Ermenegildo Zegna propone “Adam Eve”: un cabinet in legno ricavato dalle botti di rovere e progettato dall’architetto Peter Marino.

  • Brooks Brothers e Marangoni Italian Design collaborano per presentare la collezione modulo101 in cui classicit e modernit si fondono per creare arredi innovativi, funzionali e dalla silhouette elegante.


    Brooks Brothers e Marangoni Italian Design collaborano per presentare la collezione “modulo101” in cui classicità e modernità si fondono per creare arredi innovativi, funzionali e dalla silhouette elegante.

Pin ItEmail

TAGS: , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Ceramiche artistiche: gran successo per Gianni Cinti al Milano …

Ancora un marscianese che tiene alto il nome di questa città: ora è la volta del designer Gianni Cinti e dei suoi lavori che hanno riscosso un grande successo alla Milano Design Week,  il palcoscenico più prestigioso per il design internazionale.

Il progetto di Cinti si chiama “MO/OD” ed è una rivisitazione in chiave moderna e tecnologica della ceramica artistica di Deruta; il progetto è stato realizzato in collaborazione con una nota azienda di ceramica derutese, la M.O.D (Maioliche Originali Deruta) che si è sempre distinta nel panorama della ceramica artistica italiana, non solo per le sue creazioni di altissima qualità artigianale, ma anche per una continua ricerca tecnologica su forme e materiali sempre nuovi.

“MO/OD” coniuga la tradizione plurisecolare della maiolica con una spinta fortemente creativa e moderna, capace di modificarne le condizioni d’uso, ri-plasmandola. Nella sua specificità la linea di prodotti MO/ODnon si propone di stravolgere il passato ma anzi di superarlo, nel rispetto dell’eredità della ceramica artistica derutese: guardando alle potenzialità future, sbilanciandosi in territori di sperimentazione e valutazione della materia e, in particolare, rileggendo gli aspetti centrali della decorazione, della forma, dell’intaglio.

Nato a Marsciano nel 1979, Gianni Cinti, dopo la prima formazione artistica, è stato ammesso al prestigioso Istituto Superiore per le Industrie Artistiche di Urbino, dove si è specializzato in grafica e design. Il suo percorso ha preso da subito la strada della moda, che lo ha portato a collaborare con alcuni dei più celebri marchi italiani e internazionali (Alberta Ferretti Marithè+Francois Girbaud), arrivando a lavorare più di cinque anni accanto a Gianfranco Ferré quale membro dello staff creativo della Maison.

Nel 2009 ha vinto la menzione d’onore al “The lucky Strike Design Award”, uno dei premi internazionali più importanti al mondo.

Dal 2010 ha installato il suo Fashion Design Studio, “Awesome”, a Torino, raggruppando attorno a sé una squadra di professionisti altamente qualificati. Il suo linguaggio creativo coniuga la metodologia di ispirazione Munariana con il rispetto della tradizione italiana in fatto di stile, forma e gusto. Ha all’attivo collaborazioni a livello internazionale (soprattutto con la Cina e con Shanghai, negli ultimi anni la sua seconda casa). Una produzione creativa che spazia dalla moda alla ceramica d’autore, dal food al tessile, dall’illustrazione all’interior. Insegna Personal Design allo IED Moda Lab di Milano.

Senza libertà muore il design

Il Muro di Berlino era come una macchina del tempo. Si passava la frontiera a Checkpoint Charlie, l’unico punto riservato agli stranieri, e ci si trovava di colpo negli anni Cinquanta. L’aria aveva un sentore diverso, inquinata dalle pestilenziali Trabant le vetturette della Ddr, e dal riscaldamento a carbone.

Si piombava in un’oscurità dimenticata, lampioni più deboli e meno numerosi, e non c’erano quasi insegne, e mancava la pubblicità. Perché farla se non esisteva concorrenza e tutto era prodotto secondo le regole dell’economia centralizzata? Al massimo, la pubblicità poteva spiegare perché consumare quel prodotto e non un altro, meglio le pere o le mele? Dipendeva dalla produzione, dal raccolto, dalle importazioni da paesi amici. Non c’erano arance, ma arrivavano le banane cubane.

Un problema per il design e per i grafici. Che, comunque, riuscivano spesso a esprimere il loro talento represso e inutilizzato. Ora si è aperta una mostra (fino al tre luglio) sul tema Masse und Klasse, che non occorre tradurre, la grafica nella Ddr, al Museum der Dinge, letteralmente il museo delle cose, in Oranienstrasse 25, Berlino. Gran parte delle opere esposte sono firmate da Werner Klemke, il maestro in assoluto della grafica marxista, scomparso nel 1994 a 77 anni. Illustrava le favole dei fratelli Grimm o le novelle di Boccaccio, e le grammatiche russe. Creava le copertine di Das Magazin, l’unico periodico che avesse articoli non strettamente legati all’ideologia o alla politica mondiale, e che osava presentare persino nudi artistici.

E si ricorreva al suo talento anche per i francobolli e i manifesti della Sed il partito comunista.

Al museo, in Kreuzberg, si possono vedere anche confezioni per svariati prodotti, saponette e biscotti, o copertine di dischi e di libri, logicamente non solo di Klemke, ma molti degli altri artisti presenti furono suoi allievi. La loro fantasia si scatenava quando sul mercato erano presenti diverse qualità, come per le sigarette. Più difficile dimostrare originalità per le scatole delle lampadine Narwa, o della audiocassette Orwo. Si potevano sfogare nella grafica delle illustrazioni, nelle vignette che accompagnavano il testo, quasi un lusso borghese che violava l’austerità socialista. Soprattutto non bisognava cadere nel peccato di imitare la pubblicità peccaminosa e dispendiosa del paradiso capitalista.

La grafica della Ddr doveva essere utile prima di essere artistica. E per risparmiare non si cambiava di anno in anno: se un disegno era riuscito, lo si continuava a riprodurre identico per sempre. Cambiare tanto per cambiare era uno spreco intollerabile. Si annoiavano, i grafici e i consumatori. Il filosofo Harry Lehmann ha pubblicato nel 2009 un saggio che dice tutto già nel titolo «Warum die Deutsche Demokratische Republik am Design gescheitert ist», perché la Ddr è fallita nel design, a causa del design. La libertà dell’ideazione era possibile solo con la libertà dei consumi, e dunque della società. La mostra sarà una scoperta vagamente retrò per gli specialisti. E una visita nostalgica per chi ricorda ancora quegli anni.

© Riproduzione riservata

Essential Pre-Classroom School room Expertise


Overall flexibility and Responsiveness

School teachers should continue ready to accept changing their program responding to students’ constant emotive and school needs and wants. Ventures should really be designed to optimize acquiring knowledge possibilities.

Utilising Remarks

University students learn from robust trainer modeling. The way you discuss and conduct oneself in the time of obstacles all through the semester will have an impact on your fees. Professors really need to be responsive to students’ participation-or their low it.

The maintenance of Class room Productiveness and Growth

Time will be an very helpful reference. Instructors will ideally set up pursuits all over mastering, constructing regular schedules that enrollees can rely upon for stability and producing highest possible growth. Avert rote or plain rep for its own individual sake. Crystal-clear-chop tutor communication with scholars concerning how to whole the schedule are required to learning.

The Harvard Note really is a bi-periodic ezine authored by Harvard University or college Graduate University of Schooling. New matters can include distinguishing 21st-Century coaching capabilities, educating adolescent immigrants, and research paper essay setting up vocabularies for pre-kindergarten trainees.

Wind, fibra FTTH a Bologna e Torino grazie a Nokia

infostradaWind utilizzerà la tecnologia di Nokia per l’accesso a banda ultra larga fissa dei servizi FTTH (fiber-to-thehome) a Bologna e a Torino che consentirà ai propri clienti di navigare ad oltre 100 Mbps e di rispondere adeguatamente alla generale crescente domanda di accesso ad internet.

Grazie all’avanzata tecnologia di Nokia, Wind potrà fornire una rete in fibra ad alta velocità, solida e di elevata qualità per le esigenze dei clienti consumer e business che utilizzano servizi come lo streaming video HD, la TV 4K, il gaming online in tempo reale e il triple play. In particolare, Nokia metterà in campo un mix di tecnologie di accesso a banda ultra larga, tra cui GPON.

Roberto Bagnoli, Global customer business head per VimpelCom in Nokia ha detto: “Siamo lieti di proseguire la collaborazione di lunga data con Wind con questo progetto Fiber to-the-home. Come operatore di riferimento in Italia, con oltre 2,2 milioni di clienti connessi a banda larga in aree urbane e non, Wind necessita di una soluzione flessibile per poter far crescere la rete in modo veloce e senza pregiudicare la user experience di elevata qualità che la contraddistingue. Contiamo sul nostro portafoglio di prodotti e soluzioni di riferimento sul mercato e sulla nostra expertise per rispondere ai variegati bisogni di Wind in termini di evoluzione della rete verso il raggiungimento di obiettivi futuri”.

Stefano Takacs, Direttore Network di Wind ha commentato: “Wind è già presente col servizio FTTH a Milano e, con il potenziamento della sua rete a Bologna e Torino, in collaborazione con Nokia, conferma il proprio impegno ad investire nella crescita dei servizi a banda ultra larga nelle maggiori città italiane, fornendo ai propri clienti una rete ad elevata affidabilità in grado di offrire i migliori servizi internet e TV oggi disponibili sul mercato“.

NUMERI

Wind in Italia è il terzo gestore mobile e il primo operatore alternativo sul mercato della telefonia fissa. Al 31 dicembre 2015, Wind vanta circa 22 milioni di clienti nella telefonia mobile e 3 milioni di clienti nella telefonia fissa, con oltre 2 milioni di clienti broadband.

Nokia è leader globale nelle tecnologie che consentono a cose e persone di essere sempre connesse. Grazie alle capacità di innovazione di Bell Labs e di Nokia Technologies, l’azienda è all’avanguardia nella creazione e nella distribuzione di sistemi e tecnologie che sono sempre più al centro delle nostre vite. Con software, hardware e servizi avanzati per tutti i tipi di rete, Nokia è partner ideale per operatori, governi e grandi aziende per realizzare le promesse del 5G, del Cloud e dell’Internet of Things.

Meteo TIRANA (Albania): oggi e domani sereno, Venerdì 22 cielo …

Tirana (Albania), Giovedì 21 Aprile: giornata all’insegna del bel tempo, temperature comprese tra 13 e 22°C. Entrando nel dettaglio, avremo soleggiamento diffuso al mattino, cielo sereno al pomeriggio e alla sera. Durante la giornata di oggi si registrerà una temperatura massima di 22°C alle ore 14, mentre la minima alle ore 23 sarà di 13°C. I venti saranno assenti al mattino, moderati da Nord-Nord-Ovest al pomeriggio con intensità di circa 23km/h, moderati da Est-Nord-Est alla sera con intensità tra 11km/h e 25km/h. L’intensità solare più alta sarà alle ore 14 con un valore UV di 7.7, corrispondente a 919W/mq.

Giovedì 21 Aprile: giornata caratterizzata da generali condizioni di cielo sereno. Durante la giornata di domani la temperatura massima verrà registrata alle ore 15 e sarà di 22°C, la minima di 8°C alle ore 6. I venti saranno moderati da Nord-Est al mattino con intensità di circa 13km/h, per il resto della giornata deboli provenienti da Ovest-Nord-Ovest con intensità di circa 10km/h. L’intensità solare più alta sarà alle ore 13 con un valore UV di 9.1, corrispondente a 999W/mq.

Venerdì 22 Aprile: generali condizioni di cielo parzialmente nuvoloso, temperatura minima 9°C, massima 21°C. Entrando nel dettaglio, avremo cielo poco nuvoloso al mattino, cielo coperto durante il resto della giornata. Durante la giornata si registrerà una temperatura massima di 21°C alle ore 14, mentre la minima alle ore 6 sarà di 9°C. I venti saranno deboli da Sud-Sud-Ovest al mattino con intensità di circa 11km/h, moderati da Sud-Ovest al pomeriggio con intensità di circa 15km/h, deboli da Sud-Sud-Ovest alla sera con intensità tra 5km/h e 13km/h. L’intensità solare più alta sarà alle ore 11 con un valore UV di 6.8, corrispondente a 863W/mq.

Sabato 23 Aprile: giornata caratterizzata da deboli piogge o rovesci, temperatura minima di 14°C e massima di 19°C. In particolare avremo cielo coperto al mattino, pioggia o rovesci anche intensi al pomeriggio, fenomeni temporaleschi alla sera. Durante la giornata si registrerà una temperatura massima di 19°C alle ore 12, mentre la minima alle ore 6 sarà di 14°C, lo zero termico più basso si attesterà a 2280m alle ore 23 e la quota neve più bassa, 1820m, alle ore 23. I venti saranno al mattino moderati provenienti da Sud-Sud-Ovest con intensità di circa 14km/h, deboli da Sud-Sud-Ovest al pomeriggio con intensità tra 10km/h e 15km/h, moderati da Sud-Sud-Ovest alla sera con intensità tra 15km/h e 22km/h. L’intensità solare più alta sarà alle ore 11 con un valore UV di 2.2, corrispondente a 491W/mq.

Natale di Roma festa Capitale

<!– –>

Sono passati esattamente 2.769 anni da quando Romolo fondò la Capitale. E anche quest’anno, proprio per l’occasione, la città tornerà a festeggiare una ricorrenza di grande importanza: il Natale di Roma. Da oggi fino al 24 aprile, con un appuntamento conclusivo venerdì 6 maggio, la Capitale si animerà di numerosi eventi e iniziative – musei gratuiti, letture poetiche, concerti, illuminazioni, rievocazioni storiche, visite guidate – per ricordare il 21 aprile del 753 a.C. quando nacque l’Urbe.

Un’anteprima c’è già stata ieri con la lettura, da parte di quaranta romani e non nel pomeriggio, dei sonetti di Giuseppe Gioachino Belli nei Musei Capitolini. Ma le celebrazioni entreranno nel vivo oggi, giornata in cui sarà possibile visitare gratuitamente i Musei Civici di Roma Capitale. Dalle 11 in Campidoglio, nell’Aula Giulio Cesare, si alterneranno la Strenna dei Romanisti, i premi e i concorsi (Cultori di Roma, Certamen Capitolinum, Premio Urbis) e la medaglia 2016 dedicata al gemellaggio Roma-Parigi. Mentre sulla piazza del Campidoglio la banda della Polizia Locale si esibirà in un concerto all’aria aperta, per poi darsi il cambio nel pomeriggio con Esercito, Guardia di Finanza, Aeronautica, Marina, Polizia, Polizia Penitenziaria e Carabinieri.

Dalle 12.30 si potrà visitare il Giardino degli Aranci all’Aventino e dalle 15 il Giardino di piazza Benedetto Cairoli. Precisamente alle 19.58 (ora del tramonto) sarà accesa l’illuminazione del Foro Romano realizzata da Acea e visibile dal Campidoglio, che sarà possibile visitare a partire dalle 21 con i Viaggi nell’antica Roma di Piero Angela. Spazio a musica e danza lungo il Tevere, all’altezza di Ponte Sisto, alle 20.30 di fronte a Triumph and Laments, fregio di 500 metri realizzato dal sudafricano William Kentridge dopo la pulizia del travertino dei muraglioni (un progetto a cura dell’Associazione Tevereterno Onlus). Ma gli appuntamenti organizzati da Roma Capitale non si fermano a oggi.

Domani alle 10 nella Centrale Montemartini di via Ostiense attraverso una visita guidata si potrà fare «Un viaggio nella storia di Roma tra archeologia classica e archeologia industriale», mentre a mezzogiorno riaprirà Villa Aldobrandini dopo i lavori di restauro. Domenica dalle 10, fino al pomeriggio, al Circo Massimo ci saranno le rievocazioni in abiti storici a cura del Gruppo Storico Romano e alle 12.15 in via dei Fori Imperiali sarà deposta una corona di alloro di fronte alla statua di Giulio Cesare. Fino a domenica 24 al Museo Carlo Bilotti, nell’Aranciera di Villa Borghese, i più piccoli saranno guidati alla scoperta dei capolavori della collezione permanente in una divertente «caccia al tesoro». Infine, venerdì 6 maggio nella Sala della Protomoteca in Campidoglio un concerto cameristico – in programma Vivaldi e Beethoven – chiuderà i festeggiamenti. Oggi invece, alle ore 18 a Palazzo Ferrajoli, in piazza Colonna la giovane violinista Laura Bortolotto, friulana omaggi la Capitale nel giorno del 2769° Natale di Roma con un concerto che presenta il progetto «Friuli in Musica».

Parallelamente alle iniziative di Roma Capitale, ce ne saranno altre in giro per Roma. Come «Eterna», la manifestazione organizzata negli spazi della Città dell’Altra Economia a Testaccio fino al 25 aprile. Attesi oggi grandi ospiti come Teo Mammucari, Raf, Rudy Zerby e soprattutto Francesco Totti al quale lo street artist Maupal – che si esibirà in due performance live questo pomeriggio alle 16.30 e domani alle 15 – donerà un’opera realizzata per celebrare la Capitale. Alle 22.30 ci sarà il concerto dei Moseek (band che ha partecipato all’ultima edizione del talent XFactor), il primo di una serie di appuntamenti musicali che si chiuderanno domenica prossima. Mentre alle 23.20 saranno liberate dal pubblico numerose lanterne che andranno a illuminare il cielo. Sarà presente anche Giacomo Ebner, presidente del Comitato organizzatore della «Notte bianca della legalità 2016», un evento che coinvolge 1.500 ragazzi delle scuole superiori del Lazio, 350 magistrati, avvocati e notai, oltre a un centinaio di personaggi dello spettacolo e dello sport. Fino a lunedì 25 aprile il divertimento è assicurato a Testaccio per grandi e piccoli con il vintage market, i laboratori creativi, i tornei di burraco, l’animazione per i bambini e la solidarietà. Sabato dalle 8 alle 13 si donerà il sangue in una postazione fissa Ema-Roma e nel pomeriggio, dalle 18, prenderà il via il Palio di Roma, il torneo di calcio a 5 amatoriale più grande della Capitale con la consegna ufficiale agli iscritti delle divise del torneo 2016.

<!– –>

Giulia Bianconi

L’importanza dell’interior design in architettura

Foto concessa da Planet G/Homify

Foto concessa da Planet G/Homify

[m.p.] La vita attuale impone nuove necessità per l’uomo moderno anche per quanto riguarda l’abitabilità degli spazi. Attualmente è essenziale considerare l’ambiente in cui si vive come un concetto che sta cambiando nel tempo: il comfort. L’interior designer deve quindi essere a conoscenza delle diverse variabili che compongono l’universo dello spazio architettonico: funzionalità, illuminazione, materiali, ecc.

Ed è ancora molto importante tenere conto dei cambiamenti che stanno caratterizzando l’architettura d’interni, soprattutto nei paesi più evoluti, dove la disciplina è intesa come qualcosa che va al di là di una semplice decorazione: l’interior design deve tenere conto dello spazio che deve adattare e modificare secondo le esigenze di un cliente sempre alla ricerca di soluzioni funzionali, tecnologiche ed economiche.

Sono molte le persone che ad un certo punto della loro vita, hanno a che fare con la ristrutturazione o decorazione di una stanza o di una casa intera, o di entrambe contemporaneamente. Ed è qui che cominciano le difficoltà, perché “vestire” una casa non è come comprare un vestito. La consulta di un interior design, sempre più specializzato e soprattutto aggiornato sulle tendenze della vita moderna, rappresenta la base da cui partire.

L’interior Design deve saper fornire le risposte giuste quando sarà il momento di esprimere un parere professionale davanti al suo target di clienti. In realtà, gran parte del successo in questo campo si basa sulla formazione continua che questi svolgono durante la loro carriera professionale, se ciò che conta è l’arredamento degli spazi interni, cioè il potere di sentirsi soddisfatti con quello che un cliente ha scelto in base alla distribuzione spaziale, proporzioni, colori, texture, qualità dei mobili e oggetti. Per questo la formazione e la riqualificazione professionale è essenziale al fine di raggiungere il livello minimo necessario di professionalità richiesta all’interior design, e che è già si sta riflettendo nei trend architettonici e decorativi di un mercato in crescita.

Sapere come deve essere organizzato e progettato un dato ambiente, tenendo conto di aspetti quali illuminazione, spazio a disposizione, esigenze del cliente, è la sfida che l’interior design cerca di cogliere nel suo lavoro.
Nel design d’interni si ottengono grandi cose grazie alla conoscenza approfondita delle variabili che influenzano il tempo di progettazione, tenendo conto degli altri elementi di base che sono l’interesse, impegno e la voglia di sperimentare .
Foto concessa da Planet G/Homify

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

Vittoria, talento al servizio del design «Che emozione il mio tavolo al …

Vittoria, talento al servizio del design

«Che emozione il mio tavolo al Salone»

Laureata allo Ied, 25 anni: progetta per la “Fratelli Orsenigo” di Cantù: «Ho seguito lo stile dell’azienda. Bellissimo vedere il mio lavoro esposto a Milano»

Ai sogni bisogna credere. Uno slogan abusato, che, però, in qualche occasione, si trasforma in una favola a lieto fine da stimolo per gli altri. Vittoria Ostini, 25 anni, di Lentate, con una grande passione per il design, ha creduto ad un sogno. Ha puntato alto: una vetrina prestigiosa, un progetto ambizioso, sostenuto da una azienda competente. E sabato scorso ha visto il suo tavolo, progettato per l’azienda di Cantù “Fratelli Orsenigo”, al Salone del Mobile di Milano.

«È stata un’emozione fortissima trovare il mio progetto realizzato alla manifestazione più importante in fatto di design e di architettura. Era inserito in uno stand affollatissimo di visitatori provenienti da tutto il mondo, competenti e con l’occhio clinico su arredamento e moda».

Il percorso di Vittoria non è casuale. Laureata allo Ied, l’Istituto Europeo del Design, ha partecipato ad un bando di concorso, indetto dalla Regione Lombardia, lo scorso anno, in collaborazione con Unioncamere Lombardia e Adi, l’Associazione per il Disegno Industriale e Fiera Milano, chiamato “Design Competition Creatività” con l’intento di valorizzare il talento di 40 giovani designer nella realizzazione di prototipi innovativi in collaborazione con le migliori aziende produttrici lombarde.

Leggi la storia di Vittoria su La Provincia in edicola giovedì 21 aprile

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Chrome 50 introduce molti elementi in Material Design e un nuovo …

Attraverso un post pubblicato sul blog di Sebastien Gabriel, uno dei capi della sezione design di Google, Big G ci parla di alcuni dettagli relativi al recente aggiornamento che ha portato Google Chrome alla versione 50.

Chrome 50, sopratutto in versione desktop, ha infatti introdotto diverse novità per quanto riguarda il design del celebre browser, grazie all’adozione di un maggior numero di elementi provenienti direttamente dal Material Design utilizzato su Android. Il MD è il filo conduttore dell’esperienza Google, partendo da Android sino a Chrome OS, e non poteva quindi mancare all’interno del browser di punta di casa Google.

L’introduzione del Material Design all’interno della UI di Chrome ha permesso di rimuovere moltissimi elementi .png (ben 1200) in modo da rendere l’interfaccia maggiormente adatta alle tantissime diverse configurazioni di PPI disponibili nel mondo dei PC, Windows incluso. Oltre a ciò, Google ha anche pensato un nuovo layout ibrido che permetta a Chrome di essere maggiormente efficace su tutti quei terminali che integrano un display touch screen, come i tanti convertibili 2 in 1 che stanno letteralmente spopolando in questo periodo.

Grazie a ciò sarà possibile avere a disposizione un’interfaccia con elementi più grandi e con i quali è più semplice interagire attraverso il tocco delle dita. Ovviamente la nuova interfaccia ibrida non sostituisce quella tradizionale pensata per l’utilizzo con mouse e tastiera, ma va ad affiancarsi ad essa solo se il dispositivo utilizzato lo permette. Troviamo anche delle piccole novità relative al design della modalità incognito, ora resa ancora più evidente grazie all’utilizzo di un tema scuro.

Trovate alcuni esempi delle novità citate all’interno della seguente galleria di immagini, mentre se volete consultare il post pubblicato da Sebastien Gabriel, nel quale troverete altre immagini, potete consultare il seguente link.