iPhone news uscita, immagini concept: il design ricalcherà …

Pubblicato il 24 maggio 2015 da Elisa Genua

Dalla rete arrivano nuove immagini e concept raffiguranti il nuovo iPhone 7 realizzate dal designer Hasan Kaymak. L’uscita del nuovo smartphone, prevista per settembre 2015, porterà un design rivisitato del nuovo Samsung Galaxy S6 Edge?

iPhone 7 news

La febbre per iPhone 7 sale ogni giorno di più. Dopo i rumors che davano come imminente l’uscita del nuovo melafonino firmato Apple e la pronta smentita da parte di Cupertino per mettere a tacere le voci sul lancio previsto entro l’estate 2015, poche ore fa è arrivata un’altra interessante news.

È il sito Phones Review questa volta che riporta delle nuove immagini raffiguranti un prototipo di iPhone 7 molto particolare: un device che riprende nel design il nuovo top di gamma di casa Samsung, il Galaxy S6 Edge.
Il render realizzato dal designer Hasan Kaymak raffigura un melafonino (iPhone 6 è spesso solo 6.9 mm) privato delle cornici laterali e con il foro dell’altoparlante posizionato da un’altra parte rispetto al suo predecessore.

Le ultime news parlano anche di un possibile nuovo smartphone ridotto non solo di spessore ma anche di dimensioni e un tasto per abilitare o disabilitare la modalità silenziosa. Per ora si tratta solo di prove e indiscrezioni non confermate dall’azienda e per questo motivo non ci resta che attendere le prossime settimane per qualcosa di più concreto.

Foto: Phones Review

Article source: http://urbanpost.it/iphone-news-uscita-immagini-concept-il-design-ricalchera-samsung-galaxy-s6-edge

Illuminare la terrazza con la luce giusta e lampade design d’effetto

Illuminare la terrazza e renderla armoniosa e luminosa a volte è un’impresa difficile. Come scegliere le luci da esterni per dare più luce? E’ bene sapere che prima di scegliere le lampade per la terrazza, nei modelli spot, applique, sospensioni o lanterne, occorre stabilire il tipo di tecnologia.

In pratica è necessario accertare se si tratta di lampade alogene, allo xenon, fluorescenti oppure a LED. Per prendere la decisione giusta basta farsi guidare dalla potenza del colore della luce e il luogo dove devono essere installate. Se si decide di mescolare le fonti e i colori delle lampade è però opportuno rivolgersi ad un esperto per capire qual è la soluzione giusta e creare un ambiente accogliente e luminoso.

Per essere efficiente la luce in terrazza deve essere sempre funzionale e flessibile, nel senso che le fonti luminose non dovranno essere tutte utili nello stesso momento. Per una corretta funzionalità sarà bene infatti creare diverse fonti e controllare ognuna di loro con un interruttore personale. Se si decide di montare delle applique sulla parete della casa si verrà a creare una luce indiretta creando un’atmosfera calda e accogliente che illumina la terrazza in ogni sua parte o comunque per una vasta area.



Esistono in commercio anche bellissime lampade dal design particolare, come le lampade da terra ad arco, che permettono di formare dei coni luminosi perfetti per illuminare una bella tavola apparecchiata. E’ importante in questo caso non creare troppe ombre, quindi è opportuno disporre le lampade in maniera da lasciare abbastanza luce sulla tavola.

Se poi si decide di montare degli spot orientabili si potranno installare sul suolo e saranno molto utili per mettere in luce il limite esterno della terrazza, che si può adornare con un bella pianta per valorizzare l’ambiente. Insomma, affidarsi a delle luci particolari per illuminare la terrazza con gusto è possibile, però bisogna farsi consigliare da persone competenti per evitare di commettere errori e penalizzare la terrazza. Un po’ di design non guasta nell’ambiente esterno, servirà a rendere più accogliente la zona!



Article source: http://news.fidelityhouse.eu/design/illuminare-la-terrazza-con-la-luce-giusta-e-lampade-design-deffetto-118620.html

Zidoo X1 (Allwinner H3) è pronto, design diverso dal solito

Il produttore di Mini PC Android Zidoo pubblica le prime immagini e tutti i contenuti promozionali relativi al nuovo box X1. Sarà tra i primi Mini PC con processore Allwinner H3, e da quel che vediamo avrà anche un design diverso dal solito, piccolo e arrotondato, giallo o argento.

Zidoo X1 dovrebbe essere anche economico. Non abbiamo i dettagli, ma la sua scheda tecnica con SoC Allwinner H3, 1 GB di RAM, 8 GB di eMMC, WiFi N e Bluetooth 4.0, non lascia intendere altrimenti. Completano 2 USB, un lettore MicroSD, una Ethernet 100, uscite video HDMI e AV, e un controller IR fornito nella confezione.

Article source: http://hardware.hdblog.it/2015/05/24/zidoo-x1-immagini-specifiche/

Milano Spring Parade: una giornata all’insegna del divertimento all …

Foto: Marco Brigandi

Foto: Marco Brigandi

Domenica 24 maggio, dalle 9:30 e fino a mezzanotte, al Parco Idroscalo di Milano va in scena la prima edizione di Milano Spring Parade, la grande kermesse dedicata al divertimento sviluppata su oltre 60 mila mq di spazio all’aperto.

Milano Spring Parade si configura come un’intera giornata di eventi con un programma ricchissimo che unisce il desiderio di mantenersi in forma alla voglia di scatenarsi con musica, spettacoli e animazione.

La ricca proposta di eventi è articolata in attività sportive, spettacoli e concerti, djset, workshop e concorsi, lezioni ed esibizioni per coinvolgere e divertire il pubblico di ogni età. Milano Spring Parade occuperà le zone di maggior interesse del Parco Idroscalo con attività di vario genere divise per aree:

1) AREA SPETTACOLI

Rassegne di enti sportivi, anteprime di spettacoli internazionali, concerti live di cantanti italiani come Moreno, Mondo Marcio, Kachupa, gli Street Clerks, Pool Junior e molti altri.

2) AREA STREET

Esibizioni di freestyle, battle, mc, con la partecipazione delle maggiori crew italiane. Area skate open per tutti con lezioni di Skateboard di Ivan Fernandez (Coyote School) e di pattinaggio inline con la Compagnia Pattinaggio Creativo.

3) AREA DANZA E FITNESS

Lezioni di tutti gli stili: hip hop dance ma soprattutto fitness yoga e pilates per amatori e professionisti di tutte le età. In programma lezioni di spinning, Zumba fitness, FitBurlesque, Cangoo per perdere peso saltando, MyGinny, Step, CrossFittheShelter, Aerobica e tutte le discipline presentate dai principali club fitness italiani. Previsti inoltre esercizi di meditazione.

4) AREA KIDS

Una zona dedicata ai più piccoli e ai loro genitori con attività e laboratori di inglese base e figure di pasta, in collaborazione con Mc Donald’s.

5) AREA DJ SET

Lo spazio dedicato a feste e aperitivi al via dalle 18 con la musica del deejay Arnold di Radio 105 e l’animazione di Nico da Virgin Radio.

6) AREA EXPO

Stand di aziende, vendita al dettaglio e food truck per accontentare ogni tipo di palato.

7) AREA ITALIA’S GOT TALENT

Inizia la ricerca di nuovi artisti per l’edizione 2016 di Italia’s Got Talent. Un palco dedicato permetterà di esibirsi in una disciplina a scelta tra musica, recitazione, danza, arte di strada. Per partecipare è consigliato prenotare l’esibizione alla mail info@milanospringparade.it

BIGLIETTI:

Intero 10 euro – Bambini fino ai 5 anni gratis

INFO:

www.milanospringparade.it; info@milanospringparade.it

Article source: http://www.milanoweekend.it/2015/05/22/milano-spring-parade-idroscalo/49878

Dropbox si aggiorna in Material Design

Novità interessanti nell’ultima versione di Dropbox, al momento disponibile solo tramite APK ma sicuramente in arrivo presto anche nel Play Store. Il noto programma di storage Cloud, si è aggiornato abbracciando le linee guida del Material Design e aggiungendo alcuni elementi grafici che sicuramente piaceranno agli utilizzatori di Lollipop.

Article source: http://android.hdblog.it/2015/05/24/Dropbox-si-aggiorna-in-Material-Design/

Dal 27 Maggio 2015 al 18 Giugno 2015

Comunicato Stampa:
In prospettiva dell’Expo il nostro territorio subirà significativi cambiamenti a livello fisico, demografico e sociale. Per non essere solo spettatori indolenti, il Fondo Nato Frascà e il Comune di Buscate hanno indetto un bando triennale per chiedere ai giovani artisti di tutta Italia (dai 18 ai 35 anni) risorse creative del territorio, di prendere coscienza di questo importante cambiamento e attraverso le loro “profezie visive”, non necessariamente visionarie, di smuovere ad una riflessione collettiva la popolazione. Punti di vista differenti, rappresentati da linguaggi artistici diversi (pittura, scultura, installazione e videoarte) per offrire alla comunità una visione del presente cambiamento attraverso lo sguardo dell’artista.
La mostra, patrocinata dalla Città metropolitana di Milano, Regione Lombardia e dal Padiglione Italia di Expo è la risultante di un percorso che ha messo in contatto istituzioni, giovani artisti, galleristi attraverso un atto volitivo finalizzato a concretizzare l’intento ispiratore del concorso: esercitare e indagare l’Arte nella sua contemporaneità tornando a coinvolgere agli artisti.

Nel Foyer di Spazio Oberdan verranno esposti i vincitori del Premio Profezie Presenti Expo 2015, un sistema-evento articolato in due momenti: il primo, Mercoledì 27 Maggio, prologo della mostra vera e propria, sarà offerto dalla Galleria Deodato Arte di Milano (via Pisacane 36) attraverso una selezioni di artisti in auge nell’ambiente artistico contemporaneo milanese e alcune opere di design in ferro degli stessi. Da martedì 9 Giugno esporranno gli artisti vincitori delle quattro sezioni (Pittura, Scultura, Installazione e Videoarte) in cui si articolava il Premio Profezie Presenti: Emilia Faro, Afran (vincitore anche della Sezione Installazioni 2013) Davide Ratzo-Ratti, Claudia Canavesi, Salvatore Tulipano, Federica Gonnelli, Ilaria Beretta, Alessandro Perini, Flavio Failla e Umberto Corni.

Le opere del Premio Profezie Presenti Expo 2015, sono state selezionate da una giuria composta da: Maria Grazia Chiesa (Direttrice della Fondazione D’Ars Oscar Signorini Onlus), della Galleria Studo D’Ars di Milano e della rivista omonima, da Maria Rosa Pividori (gallerista, socio fondatore e Art Director dal 1988 di Dieci.due! International Research Contemporary Art di Milano) e Fermo Stucchi (gallerista e collezionista, Direttore Spazio Danseei di Olgiate Olona).
Si ringraziano inoltre i Promotori del sistema evento: CREATIFER di Marnate (Opere di design in ferro per esterno e interno certificate CE www.creatifer.it) e GRIMI (centro decorazione e colore Castano Primo www.grimisrl.com).

Emilia Faro
Nasce a Catania il 15 marzo 1976. Vive e lavora a Parma.
Studia all’Accademia del Louvre di Parigi, dove vive tra il 2001 e il 2005. Nei primi anni la sua ricerca artistica è stata incentrata sul volto e la figura umana dipinti ad acquerello, tecnica che l’artista ha sviluppato negli anni in ma in un manierismo molto personale e riconoscibile. Ultimamente lavora con la scultura, l’installazione e il video mantenendo la sua predilezione per la carta e il disegno.

Claudia Canavesi
Nata a Busto Arsizio (VA) i l 10.06.1976. Diplomata nel 2000 in scultura presso l’Accademia di Belle Arti di Brera. Dal 1996 partecipa a simposi nazionali ed internazionali di scultura ed incisione (Tam 2001, Trattamento artistico dei metalli con Eliseo Mattiacci; simposi per la lavorazione della pietra di Vicenza; corsi internazionali per l’incisione artistica presso Kaus di Urbino). Dal 1998 partecipa a mostre collettive e personali nazionali ed internazionali (2010 In ogni dove personale- Chiesa di San Rocco- Carnago-VA-; 2008 Vuoto e materia- Scultura totale, doppia personale, Torino; Doppia personale KuzukuboArt Camp-Fijimi-cho, Giappone

Federica Gonnelli
Nasce a Firenze nel 1981, dove frequenta l’Accademia di Belle Arti di Firenze. Dal 2001-2002 sviluppa una profonda ricerca sul rapporto contenuto-contenitore, “giocando” con gli oggetti più disparati che ripone in scatole di legno e con immagini alle quali sovrappone, grazie alla trasparenza altre immagini, contemporaneamente questa ricerca ha portato l’artista ad ampliare i suoi progetti e ad affiancare alla realizzazione opere tridimensionali: performance, installazioni e video-installazioni; opere che propone in mostre collettive/personali, vincendo vari concorsi in Italia e all’estero: “REALE CALEIDOSCOPIO REALE”, “#CROSSHERITAGE”, Castello di Racconigi, Cuneo. “GLI SPAZI DEL SOGNO”, Biffi Arte, Piacenza, a cura di A. Redaelli. “IC – ISTANBUL CONTEMPORARY”, Galleria Art Forum Contemporary, Istanbul. “VEL(L)O D’ORO”, Galleria Nuvole Arte Contemporanea, Montesarchio (BN), a cura di D. Papa. “ARTE FIERA” e “IL CORPO CHE ABITO”, Galleria Art Forum Contemporary, Bologna. 

Alessandro Perini
Nato nel 1983 a Cantù (Co). Al background musicale (studi di composizione e musica elettronica presso il Conservatorio di Como e l’Accademia di Musica di Malmö, Svezia) ha affiancato studi e ricerche delle nuove tecnologie e della loro interazione col suono, la luce e l’immagine. La sua produzione musicale spazia dalla musica strumentale a quella elettronica, indagando anche gli ambiti della internet music e dell’interazione dei musicisti con il video live. Nell’ambito della videoarte e delle installazioni audiovisuali, i suoi lavori hanno partecipato in più di trenta festival di tutto il mondo, con una decina di mostre collettive in Italia, Svizzera e USA.

Afran
Afran, Francis Abiamba, nasce a Bidjap, in Camerun nel 1987. Dopo aver frequentato l’Istituto di Formazione Artistica di Mbalmayo, si diploma in ceramica. Coltiva la pittura, presso gli atelier dei più grandi pittori camerunesi e congolesi. Nel 2006 si apre all’arte contemporanea grazie a Salvatore Falci, professore di arti visive all’Accademia di Belle Arti di Carrara (Ms).

Salvatore Tulipano
Nasce a Milano nel 1985. Vive e lavora tra Milano e Parigi. Nel 2010 si laurea in Scultura all’Accademia di Belle Arti di Napoli. La sua ricerca plastica si fonda sul rapporto che la Scultura intesse con lo spazio e sul senso della Scultura stessa, intesa come spazio, luogo fisico a-funzionale che si pone in una condizione di detachment, di conflitto e distacco estetico e formale, con il luogo a cui è destinata.

Ilaria Beretta
Classe 1980, vive a Caslino d’Erba. Si Laurea in Scultura presso l’Accademia di Belle Arti di Brera e consegue il titolo di Master di II livello in New Media Art Design. Il suo percorso artistico nasce da un’idea di possibile interazione tra le arti, riflessione originata dall’osservazione dell’evidente contemporanea tendenza a formazioni professionali sempre più specializzate e quindi ad un restringimento, volontario o condizionato, della presente possibilità (moderna) di una visione globale. Per questo la naturale tendenza all’approccio umanistico all’analisi di fenomeni filosofici cerca di allargare lo sguardo alle discipline scientifiche. Il linguaggio è costituito dai materiali tradizionali e non della scultura, dai video e dai sistemi interattivi.

Flavio Failla
Nato a Catania nel 1978. “Ho iniziato all’età di 6 anni a disegnare e reinterpretare gli oggetti di design presenti in casa. Il mondo costruito dall’uomo mi ha sempre interessato, da allora ho cercato in tutta la mia vita nuovi punti di vista per conoscerlo e crearne uno nuovo, immaginifico. Oggi sono un graphic designer a 360°, mi occupo di tutto ciò che “vive” su carta. Mi sono avvicinato al mondo della fotografia da pochi anni ma ne sono stato travolto come nuova fonte di espressione, mescolando spesso le mie opere col mondo della grafica. Mi occupo anche di video e sceneggiatura e nel 2006 ho girato insieme a Luciano Sartirana il cortometraggio “Meno un minuto” che nel 2010 ha partecipato al festival del cinema indipendente di Venezia (Venice film meeting). Nel 2007 ho partecipato al concorso fotografico “Il mondo in un quartiere” classificandomi al primo posto; a giugno di quest’anno ho esposto alla festa dell’arte di Gravellona. Da settembre insegno grafica e multimedia all’Istituto Cilf di Milano e da sei anni sono un creativo grafico freelance”.

DAVIDE RATZO RATTI
Nato a Milano il 25 Maggio 1980, si diploma all’accademia di Belle Arti di Brera, consegue altri titoli di studio e frequenta la piattaforma “The Next Stop” nel 2013. Sempre nel 2013 finalista al concorso “La quadrata” galleria il Melograno Livorno, finalista al quinto concorso Buenos Arires per Open art gallery Milano, vincitore del premio “Profezie presenti 2013” sezione pittura, biennale YOUNG_SHOWCASE museo civico Magma, collettiva “Visibili Invisibili” mostra autoprodotta, espone alla mostra “Inchiostro d’autore” presso il Priamar di Savona, collettiva gestita da Mimma Pasqua “Luci Ombre” Espone negli anni anche per Galleria Zamenhoff, galleria 10.2, Limited no art gallery, collettiva Pop disasters, Art4bit.

UMBERTO CORNI
Nasce a Borgomanero (NO) nel 1982. Nel 2004 si diploma presso il Liceo artistico Statale di Busto Arsizio (VA). Durante gli studi scopre la passione per la videoarte e prende vita quello che sarà il suo lavoro, principalmente incentrato sulle riprese all’interno di fabbriche ed aree abbandonate, con lo scopo di realizzare video dalle immagini crude e ruvide, proprio come il senso di perdizione che tali luoghi racchiudono. Il suo primo lavoro, “Tracciato” del 2002, viene proiettato durante la rassegna video “Cortisonici” a Varese, nell’edizione 2002-03. A partire dal 2004 inizia la sua collaborazione con due gallerie milanesi. Nel 2005 frequenta un corso di regia, tenuto presso la Scuola Civica di Cinema di Nuovi Media e il corso “Nuove tecnologie per l’arte”, presso l’Accademia di Belle Arti di Brera. Attualmente lavora come free lance per diverse gallerie e artisti. Tra le sue adesioni più importanti troviamo la partecipazione con il video “Bronzo, Materia e Spirito” alla Rassegna Internazionale video dedicata a Joseph Beuys, “Difesa della natura” con omaggio a Harald Szeemann, in concomitanza con la 52° Biennale di Venezia, e la partecipazione all’ottava edizione del “BAFF” Busto Arsizio Film Festival con il video “Discrepanze similari”.

Menzione speciale
ANDRO GRDINIC
Nato a Zagabria nel 1984, studia alla Škola primijenjene umjetnosti i dizajna (Scuola di arti applicative e design). In seguito si trasferisce a Roma approfondendo la sua ricerca artistica all’Accademia di Belle Arti di Roma.

Article source: http://www.arte.it/calendario-arte/milano/mostra-profezie-presenti-expo-2015-16623

Torna PisaBrickArt: i mattoncini Lego invadono in Palazzo dei …

Forti dei 10mila visitatori dell’edizione 2014, torna PisaBrickArt, l’evento organizzato da Orangeteam. Una manifestazione imperdibile, per grandi e piccini: praticamente tutti da ragazzi abbiamo avuto a che fare con i famosi mattoncini LEGO®. Appuntamento sabato 30 e domenica 31 maggio dalle 10 alle 19 al Palazzo dei Congressi di Pisa, ingresso gratuito fino ai 12 anni, biglietto a 4 euro per i più grandi

 

Saranno presenti 80 espositori dall’Italia e dall’estero, ci saranno aree gioco e laboratorio con “libertà di assemblaggio”, mostre, creazione di opere d’arte con i Lego, film, concorsi. E poi talk e approfondimenti come quelli sull’utilizzo dei mattoncini LEGO® per allestire un mini-orto di “erbacce” o sull’importanza dei giochi che stimolano la manualità e la fantasia. Un intero piano del Palazzo Dei Congressi sarà dedicato a Star Wars, in vista dell’uscita imminente del nuovo capitolo della saga; ci sarà una riproduzione del Titanic di 2 metri e mezzo, il castello di Valenzano fedelmente riprodotto e una flotta di pirati di 18 metri. E tante altre cose: tutte le informazioni su sito http://pisabrickart.orangeteam.it/

 

Riccardo Di Nasso, di Orange Team: «una kermesse pensata per il divertimento, la creatività e la didattica». Andrea Ferrante, assessore alla cultura del Comune di Pisa: «un bell’evento fatto per stare insieme, per divertirsi e fare cultura, testimonianza della grande vitalità della città»

 

 

Il programma

Sabato 30 Maggio

ore 10:00 Apertura manifestazione

ore 12:00 Presentazione manifestazione dell’OrangeTeam LUG con l’intervento speciale dell’Assessore della Cultura del Comune di Pisa – Andrea Ferrante

ore 14:00 Proiezione del Film LEGO® MOVIE (durata 100 minuti)

ore 16:00 Stefano Benvenuti presenta Orto-Brick: le erbe vanno a scuola. L’impiego dei mattoncini LEGO® utilizzato per allestire mini-orto di “erbacce”.

ore 16:30 Brickanuts i migliori set LEGO® montati e mostrati dalla redazione di Lega Nerd

ore 17:00 Giorgio Greco presenta “Ice Bucket Challenger” vincitori del contest Ultracorti selezionato al Wired Next Cinema 2015

ore 17:30 Giovanni Paolo Timpano presenta: C’è una nuova famiglia in città… vieni a scoprirla!! Tavole e bozze inedite

ore 18:00 Terza Cultura presenta: Introduzione alla Robotica Educativa con Kit LEGO® Mindstorm V3

ore 19:00 Chiusura manifestazione

 

 

Domenica 31 Maggio

ore 10:00 Apertura manifestazione

ore 11:00 Proiezione del Film LEGO® MOVIE (durata 100 minuti)

ore 14:30 Il Prof. Michel Landron dell’Istia (École d’ingénieurs de l’Université d’Angers) presenta le differenti esperienze pedagogiche condotte in seno alla scuola di ingegneri

ore 15:00 Bricknauts i migliori set LEGO® montati e mostrati dalla redazione di Lega Nerd

ore 15:30 Veramente stai pensando che sia solo un gioco? Presenta Luisa Vaselli: psicologa psicoterapeuta e Stefano Geraci: Pediatra di Famiglia USL 5 Pisa

ore 17:00 Premiazione dei concorsi

ore 19:00 Chiusura manifestazione

<!– –>

Fonte: Ufficio Stampa

Tutte le notizie di Pisa

Article source: http://www.gonews.it/2015/05/23/torna-pisabrickart-i-mattoncini-lego-invadono-in-palazzo-dei-congressi/

Open Design Italia 2015, mostra mercato del design autoprodotto

Open Design Italia 2015. A Trento, presso Trento Fiere, dal 29 al 31 Maggio in concomitanza con il Festival dell’Economia Trento Fiere.

Open Design Italia, dal 2010 mostra-mercato sul design autoprodotto e di piccola serie, ha selezionato i suoi partecipanti: 303 i designer iscritti al concorso di selezione, provenienti da 33 paesi diversi: Italia, Albania, Argentina, Austria, Bangladesh, Belgio, Brasile, Chile, Colombia, Costa Rica, Francia, Germania, Giappone, Grecia, Guatemala, India, Irlanda, Israele, Lituania, Montenegro, Norvegia, Olanda, Portogallo, Regno Unito, Russia, Slov enia, Spagna, Svizzera, Thailandia, Ucraina, Ungheria, Venezuela, Vietnam.72 saranno i designer selezionati della quinta edizione, per lo più emergenti.

Questi i principali criteri della selezione: l’originalità e la funzionalità del progetto, la capacità di risolvere
una filiera produttiva, o perlomeno ipotizzarla. Ma anche in base al legame con il territorio, che sarà messo
bene in evidenza nell’allestimento della mostra-mercato con la “carte d’identità” dell’oggetto. Una risposta internazionale a un fenomeno globale – l’autoproduzione – che trova nuovi paradigmi nelle possibilità offerte dalle tecnologie della fabbricazione digitale e nella riscoperta di tecniche artigianali e tradizionali.

Mobili, complementi d’arredo e arredo bagno, illuminazione, stationery, gioielli e accessori per la moda, arredamento per outdoor, strumenti per consumare ed esporre il cibo (anche per ristorazione e contract) sono le tipologie di merci che sono state presentate. La selezione dei designer mette in evidenza le tendenze e le evoluzioni che l’ambito progettuale dell’autoproduzione sta percorrendo. Molti progetti ricorrono a materiali di riuso o oggetti “ready made” con finalità di upcycling, ovvero la nobilitazione dello scarto in nuovi oggetti d’uso quotidiano. Tendenza visibile sia nel design di prodotto sia nella moda.

Il legno è il materiale protagonista evidenziando due tendenze opposte: da un lato, l’alta falegnameria, dall’altro il fascino primitivo della materia al grezzo. “Raw” anche i metalli che esaltano l’estetica del nonfinito e della materia non lavorata, importante in un’ottica di semplificazione del progetto.Molti prodotti sono risolti con elementi modulari e componibili per massimizzare la produzione, ridurre gli ingombri della spedizione e coinvolgere l’utente nella configurazione finale dell’oggetto. La maggior parte dei prodotti risulta facile da assemblare, con giunti a incastro e senza colle, e multifunzionale.

Essendo la produzione “on-demand” e non legata al numero minimo, alcuni designer sperimentano tecniche inedite nella lavorazione di materiali tradizionali come la ceramica, o trasferiscono tecniche da ambiti della produzione artigianale apparentemente incompatibili. I processi di fabbricazione digitale non entrano solo nella produzione di oggetti finiti – gioielli, complementi d’arredo e perfino una bicicletta – ma mettono in evidenza, per la prima volta a Open Design Italia, la possibilità di costruirsi gli oggetti in casa con una macchina ad estrusione, autocostruibile e sviluppata opensource.

L’Ambasciata e il Consolato Generale dei Paesi Bassi in Italia offrirà uno spazio espositivo gratuito ai tre designer residenti in Olanda selezionati da Open Design Italia tra gli inscritti al concorso. I tre designer sono:
Rosa Immers, Martina Lansinger e Irene Van Ophoven.
Allo stesso modo il MUSE, Museo delle Scienze di Trento, offre ai maker (designer che utilizzano nei progetti tecniche di fabbricazione digitale) Enrico Bassi e Collettivo Cocomeri uno spazio espositivo gratuito durante i tre giorni di Open Design Italia 2015.

Inoltre, saranno presenti Progetti Speciali dedicati al tema del design legato al mondo artigiano: una curata
dal Consorzio La Trentina con Poli.design intitolata ADESIGNADAY2015_dall’albero al mercato e l’altra curata da Cna Veneto e Cna Vicenza dal nome ARTIGIANO=MAKER MAKER=ARTIGIANO. Dopo le numerose richieste arrivate da designer e maker è stata aperta una nuova sezione dedicata ai designer/artigiani fuori concorso, dove saranno esposti progetti legati sempre all’attenzione alla filiera produttiva e al made in italy.

I 72 designer concorreranno all’assegnazione di:

Premio Open Design Italia: accesso ai canali di promozione di Open Design Italia, nazionali e internazionali, nonché un pacchetto di servizi di consulenza gratuita negli ambiti del web marketing e comunicazione, tutela proprietà intellettuale, retail online, fotografia ed immagine coordinata.

Premio Speciale DE.MO. 2014 – sostegno al nuovo design per art shop e bookshop e alla mobilità internazionale dei giovani artisti italiani: a cura di MiBACT – Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, GAI – Associazione Circuito Giovani Artisti Italiani e Comune di Modena: Il premio si prefigge di selezionare, nell’ambito dell’edizione 2015 di Open Design Italia, un giovane designer di non oltre 35 anni di età, per sostenere la sua partecipazione a un evento internazionale sull’autoproduzione.

Premio Prezi: il designer vincitore sarà affiancato da un grafico di Prezi che lo aiuterà a creare una presentazione personalizzata per promuovere i propri prodotti e la propria attività. Il risultato della collaborazione tra il designer e il grafico diverrà uno degli esempi pubblicati sul sito di Prezi.com.

Premio Living: pubblicazione del progetto vincitore sulla prestigiosa rivista stampata Living e sul portale web www.living.corriere.it e un abbonamento annuale alla rivista digitale Living. I premi saranno assegnati da una prestigiosa giuria internazionale: http://opendesignitalia.net/partecipa-alconcorso/ giuria/

Inoltre tutti gli espositori presenti durante la manifestazione 2015 potranno accedere ad un nuovissimo PREMIO: Design at Museum – Il design si fa bello nella speciale cornice del Museo. Un premio ai migliori 10 progetti, che consentirà loro di essere fotografati all’interno di inediti contesti museali come il MUSE, Museo delle Scienze di Trento. Open Design Italia propone a visitatori e designer una tre giorni di conferenze e dibattiti con designer, critici, accademici ed economisti.

Tra la kermesse di inziative che accompagnano Open Design Italia c’è Atelier Aperti: Un percorso di incontri presso concept store, atelier e studi. Unʼinteressante formula itinerante nei cuori pulsanti della creatività di due città del Trentino Alto Adige e dell’Emilia Romagna: Bologna e Trento. Gli atelier che aderiscono allʼiniziativa realizzeranno esposizioni speciali legate al tema dellʼautoproduzione, godibili in unʼatmosfera di convivialità. Inoltre Open Design Italia sarà ospite in Galleria Civica a Trento dove, insieme all’inaugurazione di una nuova mostra, verranno presentati i progetti Civica Project/ADesignerADay

Per ulteriori informazioni cliccate sul link Open Design Italia 2015

Article source: http://www.domimagazine.it/blog/open-design-italia-2015/

Hangouts su Chrome ora in stile Material Design

Article source: http://overpress.it/2015/05/23/hangouts-chrome-stile-material-design/