• Diminuisci dimensione testo
  • Aumenta dimensione testo
  • Print
  • Contact
  • Mobile
  • RSS feed

Corriere della Sera

Da venerdì la rassegna

Sessanta film da 30 Paesi e tre concorsi: la 19ma edizione di «Sguardi altrove» (www.sguardialtrove.it) rilegge la storia recente e si apre all’ Oriente. Il 2 marzo, alla Triennale (v.le Alemagna 6, 6/4), apre la mostra «Tasselli d’ arte: oltre il cinema», dove video, installazioni, foto e design raccontano l’ «estetica del fare» del Giappone contemporaneo, tra nomi storici (Yayoi Kusama) e altri alla moda (il fotografo Nobuyoshi Araki). Il 2, alle 19.30, performance coreografica della compagnia Sisina Augusta. Il 5, allo Spazio Oberdan (v.le Vittorio Veneto 2, ingresso con tessera a 10), apre la sezione cinema. Tra i lungometraggi, la storia d’ amore «Beirut Hotel» della libanese Daniele Arbid e il controverso «Code Blue» di Urszula Antoniak, che a Cannes ha fatto uscire dalla sala le anime sensibili. Un omaggio è dedicato a Naomi Kawase, rarefatta cineasta che parla di un Giappone poco convenzionale. E poi documentari, corti e mediometraggi italiani, un omaggio a Cecilia Mangini, pioniera del «cinema del reale», un convegno sullo stalking (il 7 marzo). Alberto Pezzotta RIPRODUZIONE RISERVATA

Pezzotta Alberto

Pagina 15
(28 febbraio 2012) – Corriere della Sera